Header_news

COME CAMBIA LA BUSTA PAGA

16 Giugno 2006

Share

COME CAMBIA LA BUSTA PAGA
Integrativo e detrazioni, i conteggi. Ma c’è l’incrocio con il bonus Renzi

Fonte: La Stampa – Articolo di Carlo Gravina

L’emergenza Covid-19 ha stravolto anche i piani del governo e le misure varate poco prima che scoppiasse la pandemia sono finite in secondo piano. Tra queste, dal 1° luglio, c’è l’abbattimento del cuneo fiscale in busta paga per i lavoratori dipendenti.

La norma è stata approvata lo scorso 30 marzo e prevede due novità importanti: l’introduzione di un trattamento integrativo di 100 euro in sostituzione del bonus Renzi di 80 euro per chi ha un reddito lordo annuo fino a 28 mila euro e una detrazione temporanea dell’imposta lorda per il periodo 1 luglio – 31 dicembre 2020 per chi percepisce un reddito tra i 28 mila e i 40 mila euro. Questa detrazione decresce in maniera lineare con l’aumentare del reddito, fino ad azzerarsi a 40 mila euro. L’emergenza degli ultimi mesi ha però costretto l’esecutivo a prevedere dei correttivi in corso d’opera, per cui il decreto Rilancio introduce modifiche anche a questa misura.

Le novità post contagio
Per salvaguardare gli effetti del taglio del cuneo fiscale anche per chi, a causa dell’emergenza Covid-19, sta usufruendo degli ammortizzatori sociali e quindi dovesse risultare incapiente per effetto del minor reddito da lavoro, l’articolo 128 del decreto Rilancio tutela sia il bonus Renzi valido fino al 30 giugno, sia il trattamento integrativo che partirà dal 1° luglio. Il datore di lavoro, quindi, dovrà riconoscere il trattamento anche per il periodo nel quale il lavoratore fruisce delle misure di sostegno al reddito, prendendo come riferimento la retribuzione contrattuale. Il bonus non percepito a causa degli ammortizzatori sociali sarà erogato con la prima busta paga utile e, comunque, entro le scadenze previste dalle operazioni di conguaglio.

Il bonus da 100 euro
Gli effetti delle misure prese per il taglio del cuneo fiscale sono due. Il primo riguarda coloro che percepiscono un reddito che va dagli 8.140 euro fino ai 28 mila euro lordi l’anno. Per costoro, a partire dal 1° luglio, viene erogato un trattamento integrativo del reddito di 100 euro mensili netti. Saranno 600 complessivi nel 2020 (da luglio a dicembre) e 1.200 totali nel 2021. Sempre netti. Va precisato che il bonus Renzi di 80 euro netti – che fino al 30 giugno viene erogato a chi percepisce redditi tra gli 8.174 (limite reddito incapienti) e i 26.600 euro lordi annui – sarà cancellato. Questo significa che, per chi rientra in questa fascia, l’aumento reale in busta paga sarà di 20 euro netti al mese. Chi si trova nella fascia di reddito tra i 26.600 e i 28.000 euro lordi l’anno (si tratta di 750mila persone), invece, avrà un aumento in busta paga di 100 euro mensili, visto che non sono inclusi tra coloro che percepiscono gli 80 euro di Renzi.

La nuova detrazione
La seconda gamba dell’operazione di riduzione del cuneo fiscale consiste in una detrazione sugli stipendi dal 1° luglio al 31 dicembre a partire da 600 euro netti, in corrispondenza di un reddito di 28.000 euro lordi l’anno, che poi via via decresce fino ad azzerarsi ai 40 mila euro di reddito. Così come avviene per il bonus da 100 euro, anche la detrazione viene riconosciuta in automatico dal datore di lavoro (sostituto d’imposta, ndr), a condizione che l’imposta lorda dovuta sia superiore all’ammontare della detrazione che spetta. Il sostituto d’imposta dovrà provvedere, a partire dal 1° luglio, a ripartirla fra gli stipendi erogati e a verificare, in sede di conguaglio, la spettanza. Effettuato il controllo, il datore di lavoro dovrà eventualmente provvedere al recupero dell’importo nel caso la detrazione non dovesse spettare, o lo dovesse solo in parte. La norma prevede che, se la somma da recuperare è superiore ai 60 euro netti, il recupero avverrà in otto rate di pari imposto, a partire dallo stipendio che sconta gli effetti del conguaglio.

Gli altri redditi
Come detto, il pagamento viene effettuato in automatico dal datore di lavoro in rapporto alla retribuzione annua del dipendente. Se però il lavoratore ha altre fonti di reddito (si può trattare di un secondo impiego, ma anche di un reddito da locazione) si corre il rischio di dover restituire il bonus o una parte di esso nel momento in cui si effettua la dichiarazione dei redditi. In questo caso è meglio chiedere informazioni al proprio datore di lavoro sulla convenienza o meno all’erogazione del bonus, che può comunque essere recuperato in seguito con i modello 730.     

Designed by Pexels

Vuoi saperne di più?

Trova la tua filiale!

Contattaci